Get a site
Home Luigi Braco vita e opere
Share on Facebook Share on Twitter Share on Delicious Share on Digg Share on Google Bookmarks Share on LinkedIn
Share via e-mail Print
Home Alchimia di Partenope Arcana Partenope Sirenusia VITRIOL Autore Eventi Novitá Contatti
Home Alchimia di Partenope Arcana Partenope Sirenusia VITRIOL Autore Eventi Novitá Contatti

Sito Ottimizzato per Google Chrome


Read the Privacy Policy

Arte, Scrittura, e

Alchimia Spirituale


Sabato 21 Gennaio 2012 alle ore 17:30 Presso La sede del Lectorium Rosicrucianum, in via Leonardo di Capua 19/A, NAPOLI, si è tenuta la conferenza-dibattito sull’alchimia spirituale con mostra dei quadri del pittore Umberto Leonetti e presentazione del libro "L’Alchimia di Partenope" di Braco Luigi. Sono intervenuti Davide Acri e Salvatore Barbato per il Lectorium Rosicrucianum, nonchè Daniele Laganà responsabile dell’associazione culturale il Cervo Bianco. Scarica la Brochure, Scarica la Locandina.

Con il termine Rosacroce si intende uno stato dell’essere umano dove tutte le illusioni, le chimere o gli ideali svaniscono per far posto all’Unica vera aspirazione. Oggi nel mondo milioni di uomini e donne rispondono sempre più spesso a questa aspirazione che i Rosacroce definiscono Prericordo. Spesso mettendosi in cammino ed incontrando altri esseri umani con le medesime aspirazioni. L’Associazione Lectorium Rosicrucianum ha sempre avuto come obiettivo quello di fornire la possibilità a tutti i cercatori di condividere la realtà di un Campo di Lavoro quale è il Lectorium Rosicrucianum oggi. La sua esperienza trentennale a Napoli e il secolo circa di lavoro in Europa gli consentono di presentare argomenti forse ancor oggi chiusi in determinati ambiti. Parole come Ermetismo, Alchimia non sono in nessun modo termini paludati, risuonano invece all’orecchio di colui che ha orecchie per intendere. Ulteriori notizie su www.rosacroce.info

Per tutti coloro che “sentono” il mito della cavalleria, il Cervo Bianco vuole essere uno strumento per sottolineare che non si tratta solo di una bella favola, ma di una via concreta che attraverso l’utilizzo di simboli universali ed ancestrali, indica all’uomo la via per comprendere il mistero della propria anima. Noi vogliamo esplorare il fondo di noi stessi, vogliamo metterci in cammino come gli antichi pellegrini, come i cavalieri della Ricerca. Per far ciò dobbiamo rintracciare un sentiero, imparando a riconoscere i segni che lo delineano. Il pericolo di sbagliare strada è grande. È il pericolo indicato dal diciottesimo arcano dei Tarocchi: i cani che abbaiano alla luna. Anche noi possiamo restare vittima delle illusioni della nostra mente, dei fantasmi che alimentano il nostro ego. Altre indicazioni su www.ilcervobianco.it

Le grandi tele da Umberto Leonetti prodotte negli anni 70: “Forze spirituali attive nel mondo della natura”, “Il mio giardino”, sono esposte per la prima volta nel maggio del 1979 in una mostra personale allestita nella Galleria d'Arte Forum Artis di Copenaghen e, successivamente, nella Galleria d'Arte Moderna De Profundis in Nyborg, Danimarca. Negli anni si susseguono mostre a Roma, a Firenze, a Verona, a Palermo. A Napoli una importante rassegna è allestita nella galleria d'arte Mediterranea”con significative opere di ispirazione alchemica. L’artista nel costruire una più specifica individualità studia Freud e Jung, nascono così una moltitudine di opere introspettive tra cui le note “La Fratellanza di Myriam”, “l'Ibis”. Nel 1985 Leonetti entra in una fase differente del suo lavoro, diventando consapevole che il linguaggio subliminale può essere più direttamente recepito dalle coscienze, che altrimenti sarebbero più o meno ostacolate dalle prossimità materialistiche dell’essere. Parte della collezione degli acrilici subliminali tra cui “Il Crepuscolo degli Dei” e “la Genesi”, sono esposti l'anno successivo nella galleria Carolina Monti di Ischia. Negli anni seguenti vedono la luce opere con tecniche diverse come “La Coniuctio”. Recentemente l'autore dopo aver elaborato strumenti linguistici, da lui definiti archetipi, recupera le esperienze del suo passato producendo icone con differenti tecniche fotografiche. Maggiori dettagli su http://digilander.libero.it/leonetti.umberto/  vedasi inoltre “L'alchimia nelle opere di Umberto Leonetti”, Edizione Mazzotta, Milano, 1996. Ai giorni d’oggi l'artista risiede a Cuma dove continua a dipingere e vendere le sue opere alchemiche. Per contattarlo è possibile utilizzare il seguente numero: 327.201.83.60.

brochure2.JPG
brochure1.JPG